PARTITI!!!

Foto Giubbini 13.1.20
Era questo lo storico incipit di Niccolò Carosio, con cui dava l’avvio alle sue indimenticate telecronache delle più importanti partite di calcio e di cui mi approprio,  perché in quel “PARTITI !!!” si addensava tutta la carica di malcelata emotività di un cronista, che da quella precisa partita si attendeva, in epoca in cui la nazionale italiana non brillava particolarmente, un mirabolante riscatto dalle opache prestazioni troppo spesso ricorrenti. Il mio entusiastico “PARTITI !!!” non si nutre di speranze deluse, quelle per le quali l’illustre telecronista, mestamente doveva ripiegare su un equivoco “superiorità tecnico-tattica degli azzurri d’Italia”, allorquando la nazionale non riusciva schiodarsi dallo zero a zero neppure con la Corea; la mia è un’esclamazione che si nutre della più compiaciuta soddisfazione, per la riuscitissima “prima” del nostro circuito 2020.

RICEVIAMO E VOLENTIERI PUBBLICHIAMO

Sestriere-cancelletto-di-partenza
Ormai la va a poche ore, la prima del circuito 2020, nonostante lo scarso innevamento, causa un dicembre all’insegna, in Appennino, dell’acqua, di rari fiocchi di neve e di un sole smagliante, dovrebbe (il condizionale è d’obbligo) avere regolare svolgimento, giacché la Pallottieri, male che vada, non tradisce mai. 
Come si presenteranno i nostri al cancelletto? Ai big, con diverse gare già alle spalle, non restava che rifinire, ai meno big toccava invece allenarsi duramente per non perdere definitivamente contatto dai primi, agli small l’addestramento era ancora d’obbligo. Si lasci alle news comunicate dai diretti interessati la parola.

ADELANTE ADELANTE IN SU LOS ANDES!!!

Atleti MasterMind
Temo che il titolo non significhi il resto di niente, ma suona bene, mi dà la stessa carica emotiva che ho provato nel sentire gli echi dei primi podi ottenuti dalla nutrita rappresentativa dei promotori MasterMind all’overture cilena della Coppa del Mondo Master. Guidati dal più autorevole, stabilmente fisso nella rappresentativa italiana, titolato di svariati podi su ciascuno dei  tre gradini in gara secca e sul terzo gradino in classifica generale di Coppa, orfano della Maxi Coppa di Cristallo solo per aver improvvidamente sputato, con pervicacia, le pillole di saggezza tennico-tattica somministrategli dal, a suo dire, “suo mentore”, GiuFiord, per chi non lo avesse ancora capito, Gianfrissimo Puca, dunque, dicevo, da costui guidati, i nostri alfieri hanno saputo smargiassamente pestare più volte gli scarponi sul podio.
Daniele e SiorpaesAd onor del vero, la formazione MasterMind quest’anno si presentava vieppiu’ ringalluzzita, giusta la presenza di Clemente Royal Family, neo innesto nella rappresentativa italiana, rappresentativa che risultava rafforzata anche in virtù dei preziosissimi apporti del nostro imperdibile allenatore Daniele Di Santo (nella foto tracciatore della prova di SL di Coppa del Mondo insieme al fortissimo Roberto Siorpaes).
Insomma, per farla breve, quest’anno MasterMind ha schierato in Cile una quasi invincibile armada, che, oltre al duo G.P, C.R., annoverava il finalmente libero da impegni lavorativi full time Cesare Veneziani, lo scapigliato Jacopo Koch, rosicava invece, per sua stessa ammissione, disperso nelle Americhe del Nord, causa improcrastinabili impegni scientifico-accademici, il Prof. Ballabio, fremente perché più desideroso di misurarsi nello sport bianco che nelle competizioni legate alla ricerca genetica e, al quale, la comunità scientifica continua ancora, malvagiamente, a negare quei vitali spazi temporali, atti a consentirgli, finalmente, una stagione agonistica a tutto tondo, da settembre a maggio. E rosicavano altresì un tantinello anche Paolo D’Appollonio e Giorgio Ferri, surclassati ormai, quanto a tigna, dallo scapigliato, quest’ultimo da essi stessi trascinato a forza in questa ineffabile galassia Master.  
Purtroppo l’armada MasterMind ha dovuto fare a meno anche del gent... del... (il riserbo è d’obbligo), al secolo, Alessandro Falez, troppo lungi dai nostri, troppo ad altri vicino.